Curiosità e Consigli

L'imbottigliamento

La luna consigliata per imbottigliare è la LUNA PIENA di primavera. Per il mantenimento delle caratteristiche qualitative del vino, è molto importante accertarsi dello stato igienico dei contenitori quali viene conservato. In particolare si consiglia, prima del riempimento, un lavaggio accurato della damigiana o altro recipiente con una soluzione di acqua e apposito detergente disinfettante per uso enologico, avendo poi cura di risciacquare con acqua e sgocciolare fino all'asciugatura completa.

Si consiglia comunque di imbottigliare entro Marzo - Aprile ( settimana prepasquale con la luna adatta ).

La Cantina

La cantina, cioè il locale in cui le bottiglie di vino verranno tenute in attesa di essere bevute o a completare il periodo di invecchiamento, che può andare da qualche settiman, per i vini da tavola, a diversi anni, per i vini rossi più pregiati, deve rispondere a ben determinati criteri che ne definiscono soprattutto la temperatura media, il grado di umidità e luminosità.

Infatti il vino è comunque un alimento "vivo" che risente fortemente gli influssi dell'ambiente circostante: non è un segreto per nessuno che una buona conservazione debba avvenire in luogo fresco, ma non tutti sanno che luce e rumore hanno il potere di alterare certi tipi di vino, specialmente quelli più pregiati.

Il Vino in Tavola

Tranquilli da pasto
Da dessert o di fine pasto, spumanti
Aromatizzati o liquorosi fuori pasto

Vini tranquilli da pasto
Possono essere ulteriormente suddivisi nei tre gruppi:

Bianchi
Rossi
Rosati

I rossi vanno aperti anticipatamente: un'ora di anticipo per ogni anno di invecchiamento; ove non vi sia tempo per l'apertura anticipata, il vino rosso può essere "caraffato" cioè versato in una caraffa che ne permetta 'ossigenazione: serve a far perdere il tipico odore di botte e di chiuso.

I bianchi non richiedono l'apertura anticipata, non vanno assolutamente caraffati.

Vino e Salute

Dichiarazione sul vino dei medici aderenti
all'Associazione Nazionale Amici della Vite e del Vino



    1. Il valore energetico del vino è legato al suo contenuto in alcol etilico (circa 10%) che libera 7 calorie per grammo. Un litro di vino fornisce perciò immediatamente 700 calorie.

    2. Il vino contiene, in quantità non molto elevata, quasi tutte le vitamine idrosolubili, e ha un contenuto di ferro che varia da 5 a 10 mg per litro.

    3. Il vino, come ogni alimento, deve essere assunto in una dieta equilibrata, senza eccedere nella quantità. La quantità massima è di 700 ml nelle 24 ore e può raggiungere il litro nei soggetti addetti ai lavori pesanti. Con tali dosi il fegato metabolizza l'alcol etilico senza che si verifichino danni per l'organismo; dosi superiori non possono essere ammesse.